Praticare le arti marziali: cose da sapere prima di iniziare

Tra acrobazie spettacolari e velocità, le arti marziali sono un concentrato di rigida disciplina e prestazioni che richiedono uno sforzo fisico non indifferente. Ma quali sono le nozioni e i concetti che è importante sapere prima di cominciare? Prima di tutto, è necessario sfatare il mito che esse possano essere imparate solo dai bambini: se è vero che iniziare da piccoli non fa certo male, è altrettanto vero che qualsiasi adulto può cimentarsi in tale attività anche senza alcun tipo di esperienza alle spalle. I risultati, come è facile intuire, sono diversi: cominciando da bambini si ha l’opportunità di sviluppare il proprio fisico, di migliorare l’equilibrio e di acquisire una certa padronanza dei movimenti, ma anche di guadagnare in potenza e in elasticità.

Se si comincia da adulti, d’altro canto, ci si può concentrare anche su aspetti che esulano parzialmente dalla componente fisica, e cioè sulle relazioni con l’aspetto tradizionale e con la cultura che ha favorito lo sviluppo di questa o quella arte marziale. In qualsiasi caso, è bene sapere che discipline di questo genere sono destinate a rivelarsi molto utili tanto dal punto di vista fisico quanto dal punto di vista mentale: preoccuparsi dell’età non ha senso, ma è solo un pregiudizio che è bene abbandonare.

Prima di iniziare a praticare le arti marziali, inoltre, è bene sapere che non serve avere muscoli molto sviluppati. Questo non vuol dire, comunque, che non ci sia bisogno di un buon allenamento, visto che si sta parlando di una disciplina anche fisica: insomma, la forza certo non è inutile, ma non è detto che più si è muscolosi e migliore è la resa. Nulla vieta di esercitarsi anche al di là delle ore di lezione, ma è bene concentrarsi in modo particolare sulla rapidità dei movimenti, oltre che sullo sviluppo dell’elasticità dei muscoli e sull’allenamento cardio. Uno dei tratti fondamentali delle arti marziali è rappresentato dalla resistenza, che è ben diversa rispetto alla pura forza fisica.



Il muscolo ha un peso non indifferente, superiore a quello del grasso: ciò vuol dire che ogni volta che si ha la necessità di muovere un corpo muscoloso deve essere spostato un peso non indifferente. Tale prerogativa potrebbe costituire un ostacolo a partire dalla considerazione dell’importanza della velocità per le arti marziali. Un fisico elastico e asciutto, in genere, è molto più scattante e pronto rispetto a uno voluminoso.

Infine, prima di dedicarsi con anima e corpo alle arti marziali, vale la pena di sapere che esse hanno ben poco a che fare con gli sport da combattimento. Il krav maga, per esempio, insegna anche a fuggire: anzi, invita a scappare non appena se ne ha l’occasione. Questo non vuol dire che chi pratica tale disciplina non sappia come comportarsi in occasione di uno scontro diretto, ma semplicemente che esso non deve rappresentare il fine dell’allenamento. La presenza di un avversario, ad ogni modo, è indispensabile, poiché le arti marziali impongono di colpire i punti di pressione altrui e si basano essenzialmente sulle prese e sulla valutazione dei movimenti degli altri. Lo scontro deve essere evitato ogni volta che ciò è possibile.

Qualsiasi disciplina decidiate di praticare, prenotate prima una lezione di prova gratuita per capire se è uno sport che fa per voi. Successivamente, attivatevi per acquistare la tenuta e gli accessori di cui avete bisogno. Attualmente  Fightclub Store, Decathlon e Amazon sono i migliori negozi in cui rifornirsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.