Patologie polmoni e bronchi

I polmoni sono l’organo principale del sistema respiratorio, attraverso la loro compressione e decompressione incamerano l’aria da cui estraggono l’ossigeno che viene trasportato alle cellule dal sangue, in seguito durante l’espirazione, rilasciano il carico di anidride carbonica prodotta come scarto dai processi di elaborazione dell’ossigeno. L’ultimo tratto che deve percorrere l’aria prima di entrare all’interno di uno dei due polmoni è costituita dai bronchi, questi ultimi si dividono all’interno degli organi in vie aeree sempre più piccole, fino ad arrivare ai bronchioli dello spessore di mezzo millimetro. Come ogni organo del corpo umano anche i polmoni possono essere soggetti a diverse patologie di entità più o meno grave che comrpomettono il processo di respirazione.

Allergie respiratorie


La reazione allergica è una risposta naturale dell’organismo all’intrusione nelle vie respiratorie di alcuni corpuscoli che riconosce come potenzialmente pericolosi per il corpo stesso, molto comunemente causa di questo disturbo sono i pollini. A livello più superficiale le allergie respiratorie possono manifestare disturbi come starnuti, arrossamento di naso e occhi, lacrimazione, in altri casi la reazione allergica può arrivare a colpire i bronchi causando tosse e difficoltà nella respirazione.

Asma


L’asma è una patologia causata da un’infiammazione dei bronchi che entrano in uno stato di iperreattività e di restringimento che apporta problematiche a livello respiratorio. I sintomi tipici di un attacco d’asma sono difficoltà respiratoria, tosse e un senso di costrizione a livello del torace. L’asma ritrova le sue cause, nella maggior parte delle casistiche, in fattori di tipo allergico, può essere tuttavia anche un effetto secondario
di alcune aptologie del sistema respiratorio come bronchiti o enfisemi.

Enfisema polmonare


Le diramazioni dei bronchi all’interno dei polmoni, i bronchioli, culiminano con gli alveoli polomonari. Questi sono gli organi predisposti allo scambio di ossigeno e anidride carbonica con il sangue. Durante un enfisema polmonare sono proprio i bronchioli a venire colpiti, questi subiscono una forte dilatazione e un’alterazione della conformazione, il che causa un drastico cambiamento nella superificie disponibile per lo scambio di sostanze con il sangue e un conseguente calo dell’apporto di ossigeno. .
I sintomi causati dall’enfisema sono:
– difficoltà nella respirazione;
– repentino senso di stanchezza;
– perdità di massa muscoalre;
– tosse.

Fibrosi cistica


La fibrosi cistica è una patologia che può colpisce le ghiandole esocrine, predisposte alla produzione di mucose, queste sono presenti all’interno di una svariata quantità di organi, tra cui i polmoni. Durante una fibrosi la quantità di mucosa diventa eccessiva e la sua qualità è insolitamente densa. Questo, invece di favorire l’organismo umidificandone le superifici, causa un effetto negativo di ostruzione e infiammazione delle pareti. La fiborsi cistica ritrova le sue cause nel gene CFTR incaricato di controllare la produzione della proteina che aiuta lo scambio di acqua e di sali minerali tra le cellule. Questa malttia viene solitamente diagnosticata sin dalla tenera età, alcuni sintomi che rendono possibile individuarla sono uno strano sapore salino delle pelle e stitichezza.

OSAS – Sindrome delle Apnee ostruttive del sonno


L’OSAS si manifesta con interruzioni momentanee della respirazione durante il sonno, queste vengono causate dall’ostruzione delle vie aeree. Quando la problematica è causata da un ridotto passaggio di aria si parla di ipopnea, quando invece è da ricondurre ad un blocco totale dei movimenti respiratori, per un periodo di tempo che può aggirarsi anche sui 15 secondi, si parla di apnea.
Questo disturbo può portare a:
– ridotta quantità di ossigeno nel sangue;
– frequenza cardiaca irregoalre;
– riduzione della qualità del sonno e risvegli notturni.

Pleurite


La pleura è il rivestimento che avvolge i polmoni essenziale per favorire i movimenti degi organi respiratori. La pleurite è un’infiammazione di questo tessuto prevalentemente causata da infezioni di natura batterica o virale. Spesso passa inosservata e viene diagnosticata solo a distanza di anni durante altri controlli, in casi più seri invece il sintomo principale che si manifesta è un intesno dolore toracico.

Polmonite


La polmonite è un’infiammazione dei polmoni che viene causata da infezioni di tipo batterico o virale, in alcuni casi può manifestarsi anche a conseguenza della somministrazione di farmaci. L’infiammazione interessa tutto il polmone, in particolare gli alveoli. I sintomi sono:
– difficoltà (se non nei casi più gravi totale impossibilità) nella respirazione autonoma;
– tosse;
– dolore toracico;
– febbre;

Tosse


La tosse è un meccanismo di difesa dell’organismo che può essere associato ad alcune malattie a carico del sistema respiratorio come la polmonite, la pleurite, l’asma, enfisema, polmonare, etc. Si sente lo stimolo di tossire quando l’organismo tenta di eliminare, tramite l’espulsione d’aria, elementi che ostruiscono le vie respiratorie, nella maggior parte dei casi si tratta delle mucose prodotte dal corpo stesso per bloccare gli agenti patogeni.

Leggi anche: 7 rimedi naturali contro la tosse