Dieta dell’uva: come farla ed effetti collaterali

Sta arrivando l’autunno. “Finalmente”, diranno molti di voi, soprattutto quelli che non sopportano le alte temperature o quelli che, in questo periodo dell’anno, decidono di voler tornare in forma dopo i bagordi dell’estate. L’autunno, a nostro parere, è una delle stagioni più affascinanti. Dopotutto, questo è anche il periodo della vendemmia e dei vitigni in festa, dove è l’uva la vera protagonista. Proprio questo fantastico frutto, ricco di proprietà e soprattutto molto gustoso, è protagonista di un tipo di dieta da sempre osservata in questa stagione: stiamo parlando della cosiddetta dieta dell’uva.

Dovete sapere, infatti, che da tempo immemore l’uva viene utilizzata come rimedio naturale e gustoso contro diversi malanni, dando vita a una vera e propria terapia nota come Ampeloterapia. In realtà, per molto tempo – parliamo di secoli – questo modo tutto naturale di curarsi è stato messo nel dimenticatoio, tornando però di moda agli inizi del secolo scorso e riproponendosi ogni anno sempre in questo periodo.

Nel nostro paese, la dieta dell’uva è sempre molto praticata (vista anche la tradizione che vantiamo nella coltivazione dell’uva). Ovviamente, come diciamo sempre, ogni volta che si vuole intraprendere un regime alimentare particolare è sempre buona e sana prassi consultare il proprio medico, un nutrizionista o un dietologo per evitare problemi e tenere lontani gli effetti collaterali che, come sappiamo, possono originarsi durante una dieta o per via dell’assunzione di un determinato elemento.

Le migliori proprietà dell’uva

A cosa deve la sua fama la dieta dell’uva? Alle proprietà di questo frutto, ovvio: l’uva, infatti, è ricca di diversi principi attivi come acidi organici e vitamine. L’importante proprietà terapeutica, depurativa e protettiva dell’uva, comunque, si deve ai polifenoli.

In linea di massima, le più importanti proprietà dell’uva sono le seguenti:

  • antiossidanti;
  • antisettiche;
  • lassative;
  • immunostimolanti;
  • cardioprotettive;
  • alcalinizzanti;
  • tonico-energetiche;
  • neuro-protettive.

La dieta dell’uva aiuta non solo a perdere peso (circa 2 kg in una settimana) ma sfrutta soprattutto le proprietà disintossicanti e diuretiche dell’uva per favorire l’eliminazione delle tossine e dimagrire, senza soffrire la fame e mantenendo un adeguato livello di principi nutritivi importanti per il nostro organismo.

Dieta dell'uva
Dieta dell’uva

Regole generali per seguire la dieta dell’uva

La prima, fondamentale regola per seguire non solo la dieta dell’uva ma ogni dieta possibile è quella di consultare un professionista della salute prima di iniziare un regime dietetico. La dieta dell’uva può essere seguita per depurarsi e sgonfiarsi, per un week end o 3 giorni lavorativi oppure per una settimana intera o anche due. Nel caso la dieta sia per pochi giorni, di solito chi lo fa consuma solo uva mentre chi decide di seguirla per un’intera settimana di solito consuma anche altri alimenti.

La dieta dell’uva per depurarsi, invece, richiede il solo consumo di succo d’uva o di acini interi, compresi buccia e semi.



Effetti collaterali della dieta dell’uva

Va da sé che un regime alimentare del genere può presentare effetti collaterali non indifferenti ed è per questo che, per l’ennesima volta, vi consigliamo di consultare un medico prima di iniziare questa dieta, fosse anche solo per pochi giorni.

Fra gli effetti collaterali più plausibili, infatti, elenchiamo:

  • un eccessivo carico glicemico: essendo l’uva un frutto molto dolce, può causare un rapido e intenso innalzamento della glicemia, quindi è sconsigliata a diabetici e dismetabolici;
  • alto residuo di fibre insolubili: la stragrande maggioranza di noi consuma l’uva con buccia e semi, elementi che possono compromettere la normale funzione dell’intestinale in soggetti affetti da patologie quali colite e diverticolite;
  • un basso tenore proteico: l’uva non contiene proteine ad alto valore biologico e ciò può influire sulla salute di soggetti malnutriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.