Cose da sapere prima di affrontare un corso di yoga

Affascinante e meraviglioso, ma al tempo stesso semplice e adatto a chiunque: chi ci legge sa che siamo amanti dello yoga, una disciplina alla portata di tutti, a qualsiasi età, che ha il fantastico pregio di migliorare la vita di chi vi si dedica. Certo è che per praticarlo è necessario arrivare preparati: ecco, quindi, che cosa è necessario sapere prima di prendere parte a un corso di yoga.

I corsi sono aperti a tutti

corsi di yoga sono aperti a tutti perché tutti vi si possono cimentare, senza distinzioni di sesso, di età, di religione, e così via. Questa disciplina non presenta controindicazioni di alcun genere, e tutte le posizioni sono in grado di regalare benefici più che significativi, sia a livello della mente che a livello del corpo, ovviamente a condizione che vengano riprodotte in modo appropriato.

Mai fare da soli

Non bisogna dedicarsi al fai da te, almeno all’inizio: è importante, invece, farsi seguire da una persona esperta, se non addirittura da un insegnante, per avere la certezza di eseguire le posizioni migliori per le proprie caratteristiche e per le proprie esigenze, ma soprattutto per sapere se esse vengono riprodotte nel modo esatto. Nel caso in cui nell’effettuare un esercizio si avvertano fastidi o disturbi, è possibile fare riferimento a delle posizioni alternative o a delle varianti, ma anche queste devono essere suggerite dall’insegnante.

La scelta dell’insegnante

Un altro degli aspetti che meritano di essere tenuti in considerazione ha a che fare con la scelta dell’istruttore a cui ci si rivolge: è fondamentale fare affidamento su un professionista che abbia seguito un corso per insegnanti di yoga e che, quindi, possa mettere a disposizione il massimo della competenza in virtù della formazione che ha alle spalle. Le scuole di yoga durano  dai 3 a 4 anni: come si vede, nulla viene lasciato al caso o all’improvvisazione.

Mai essere competitivi

Lo yoga non può essere considerato una disciplina sportiva per il semplice motivo che non esiste alcuna competizione e non c’è gara con eventuali concorrenti: si tratta, invece, di una pratica individuale, che deve essere scelta soprattutto per essere in pace con sé stessi. Anche quando si fa yoga in gruppo, non bisogna mai guardare gli altri per provare a imitarli, dal momento che ogni persona ha delle caratteristiche specifiche e un equilibrio personale, ma anche dei limiti che devono essere rispettati e tenuti in considerazione.

Lo scopo dello yoga è proprio quello di intervenire sul punto limite di ogni persona, a prescindere dal livello di flessibilità che il suo corpo è in grado di raggiungere. Nel caso in cui una posizione risulti forzata, si può essere certi che quello che si sta praticando non è yoga.

La respirazione

Infine, l’ultimo aspetto di cui è bene essere consapevoli prima di partecipare a un corso di yoga ha a che fare con l’importanza della respirazione. Nella maggior parte delle posizioni è indispensabile respirare attraverso le narici, per fare in modo che l’aria che entra dal naso sia umidificata per effetto delle mucose e purificata dai peli, ma anche a una temperatura adeguata e corretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.